Lo scorrimento del QI

lo scorrimento del qi come acqua: i canali

water-flowLo scorrimento del qi come acqua: i canali

I cinesi chiamano Qi l’energia che scorre lungo il corpo, come fiumi e laghi che solcano il paesaggio.

I 12 canali principali possono essere considerati fiumi che distribuiscono il Qi ai vari organi.

经[經] jīng. Trama (di un tessuto), canale (in MTC), longitudine (in geografia), scrittura, canone, mestruazioni, organizzare, condurre, passare attraverso, sottoporre.

Da 纟(糸 ) “filo di seta”, e 巠 jīng elemento fonetico. Il significato originario era “la trama di un tessuto”. La parte superiore dell’elemento 巠 era proprio il pittogramma di un telaio, con 巠 forma antica di 经, ma può raffigurare anche un corso d’acqua sotterraneo, o i limiti costituiti dalle due rive di un fiume o dai due fianchi di una montagna, tra i quali scorre un ruscello.

Ogni canale ha una serie di 5 punti, con direzione centripeta, i “Cinque punti shu antichi” 五输穴wushuxue, dove la metafora riguardante lo scorrimento delle acque da piccolo a grande, da superficiale a profondo, è utilizzata per rappresentare il flusso del Qi del Meridiano. La traduzione consolidata nell’uso e proposta originariamente dai traduttori cinesi insiste su questa metafora chiamando i cinque punti Shu antichi pozzo, fonte, ruscello, fiume, mare.

Punto Pozzo jĭng: la traduzione è letterale, pozzo quindi da dove si trae l’acqua, o dove si raccoglie l’acqua. E’ il punto di partenza o di arrivo del Qi.

Punto Fonte xíng: letteralmente il carattere significa piccolo corso d’acqua, ruscello. A partire da questo punto, la forza di scorrimento del Qi evoca quella di un corso d’acqua. In questo punto si concentra il Qi proveniente dal punto pozzo prima di passare al punto successivo.
Punto Ruscello shῡ: letteralmente il carattere significa come abbiamo visto sopra, mezzo di trasporto, imbarcazione. A partire da questo punto lo scorrimento del Qi evoca quello di un fiume.
Punto Fiume jìng: in questo contesto il carattere assume il significato di attraversamento, sbarco, trasmissione.
Punto Mare hé: Letteralmente il carattere significa unione. Si tratta del punto di incontro dell’interno (profondo) e dell’esterno (superficiale).

Il primo punto, jing-pozzo, del Rene, organo del Movimento Acqua KI1-Yongquan, “Fontana Zampillante”, è come la sorgente d’acqua del corpo. L’acqua corrisponde all’ultima fase della vita umana, alla vecchiaia, alla morte ma rappresenta anche il movimento di spinta verso l’alto che prepara alla rinascita, rappresenta la forza vitale, l’impeto dell’energia seminale che spinge alla procreazione, la vita che è contenuta nel grembo materno, il liquido amniotico che nutre il feto, l’acqua come sorgente di vita. L’acqua, come abbiamo visto, è il simbolo della saggezza taoista, perché è pienamente libera, senza costrizioni, adattabile, si lascia correre e facendolo crea la sua via, rappresenta il fluire e il lasciarsi fluire nel fiume della vita, rappresenta la capacità di superare o smuovere l’ostacolo o aggirarlo. Il cuore del saggio è simile a un pozzo o a una sorgente.

Lo scorrimento dell’energia come fluido corporeo segue diverse direzioni.

La prima è quella indicata dal susseguirsi dei punti pozzo, fonte, ruscello, fiume, mare. Quindi sempre dal distale verso il centro del corpo.

La seconda è quella che segue un andamento ciclico dal petto verso le mani, dalle mani verso la testa, dalla testa verso i piedi, dai piedi verso il petto. Il ciclo viene ripetuto 3 volte percorrendo canali diversi.

Questo articolo è stato pubblicato in PR . Bookmark permalink .